Il metallo più sicuro per i piercing

I piercing, in generale e quelli da primo foro, sono gioielli composti da vari metalli e leghe come l'acciaio chirurgico, il titanio, l'oro, l'argento

Se hai pensato di abbellire la tua pelle con uno di questi gioielli probabilmente avrai anche qualche dubbio su quale sia il metallo migliore e più consigliabile per un approccio sicuro e per una guarigione senza difficoltà.

Non è infatti raro che ci siano problemi a seguito di esecuzioni di piercing derivati proprio dal materiale che viene utilizzato, spesso a causa di una conoscenza non adeguata dei materiali e delle loro caratteristiche. Abbiamo già parlato degli aghi utilizzati dai piercer qui e adesso vediamo le differenze tra i metalli più comunemente utilizzati.

  • L'acciaio chirurgico conosciuto come Surgical Stainless Steel

Questo metallo dura a lungo e non reagisce con i fluidi del corpo. Ad esempio non si ossida. Solitamente il migliore è il 316L ma attenzione. Questo tipo di acciaio contiene una minima percentuale di nichel e quindi se viene a contatto con un foro non ancora del tutto cicatrizzato può creare problemi come irritazioni e allergie.

  • L'argento ( Sterling )

L'argento è composto per il 92,5 % da argento e per il 7,5% da un altro metallo che di solito è il rame e serve a rendere l'argento più durevole, ma il rame può causare come nell'acciaio chirurgico reazioni allergiche e irritazioni. L'argento quando viene a contatto con i fluidi corporei si ossida quindi sconsiglio vivamente l'utilizzo di questo materiale da primo foro.

  • Oro

Anche nei gioielli in oro questo spesso troviamo del nichel, i più conosciuti sono l'oro giallo ( composto al 75% d'oro, 7-12% argento e 13-18% rame ) così come l'oro rosso e rosa. L'oro bianco è composto dal 75% da oro, dal 25% da nichel/argento o palladio. Nella migliore delle ipotesi se si vuole scegliere un gioiello in oro è meglio non considerare quello puro poiché a 24 carati è molto morbido ed è molto più facile che i batteri si ci annidino. L' oro, invece, a 18 o a 14 carati è una lega con altri metalli di cui spesso nichel.

  • I Placcati in oro

In genere la placcatura è molto sottile e il sudore o la frizione con il tessuto della pelle può eliminarla facilmente e quindi dopo poco tempo si ci ritrova con il metallo sottostante.

Qual è quindi il metallo più sicuro?

  • Il Titanio

Il titanio è un metallo molto resistente ed è sicuramente la migliore scelta per un piercing in particolare modo se si tratta di un primo foro e cioè se viene utilizzato anche durante la guarigione dopo aver creato con l'ago lo spazio di passaggio, cioè il buco. Si minimizzeranno sicuramente le problematiche e la guarigione sarà molto più confortevole.Si suddivide in gradi e il più alto è l' ASTM-F136 ed è perfettamente biocompatibile. E' anodizzabile ed è completamente anallergico poiché non contiene nichel. 

Una volta guarita la ferita iniziale potrete sbizzarrirvi ed utilizzare gioielli dei più svariati tipi e, se non sono presenti allergie, non avrete nessun problema. Diversamente sarà sempre opportuno utilizzare gioielli antiallergici. Quando decidete di fare un nuovo piercing sarà sicuramente opportuno e molto utile informarsi sul metallo che verrà utilizzato, se vi rivolgerete ad un professionista di esperienza di certo potrà consigliarvi il gioiello migliore a seconda del lavoro da eseguire.

Vi ricordo che se siete tatuatori, piercer o dermopigmentisti potete iscrivervi gratuitamente al portale strange.tattoo cliccando qui, inserendo il vostro logo e creando la vostra vetrina. Sarà molto più facile farvi trovare dai clienti in quanto trattandosi di un portale tematico sale molto in alto nelle ricerche su Internet. Il servizio è completamente gratuito.
Federica Spitaleri ( Fes Piercer ) Piercer professionista residente a Genova con 10 anni di esperienza.