Come si diventa Piercer ?

Il Piercer è colui che di professione esegue piercing,come abbiamo detto in articoli precedenti “Piercing” deriva da “To Pierce”,forare. Ma vediamo

meglio nel dettaglio cosa occorre saper fare e quali requisiti è necessiario possedere. Per prima cosa è necessario capire bene se si ha un minimo di manualità nel gestire un ago.

Ma questo in realtà non è un grosso problema, perché con un bel po' di allenamento tutto è possibile. Il mestiere del bodypiercer va ben oltre applicare gioielli nel corpo, esistono innanzitutto regole fondamentali che chiunque di questo campo deve conoscere. Piercer, tatuatori e dermopigmentisti. La prima regola fondamentale è la sicurezza, intesa come conoscenza dei patogeni condotti dal sangue. Questo mestiere infatti comporta sempre il contatto diretto con il sangue e la saliva del cliente, diventa quindi d'obbligo conoscere i rischi ai quali si va incontro sia per il piercer, sia per il cliente e imparare ad utilizzare i dispositivi di sicurezza, i guanti, la mascherina e gli occhialini.

Ma indossare un paio di guanti e una mascherina è sufficiente per stabilire di essere in piena sicurezza ? La risposta è NO. Ci vuole un certo criterio in ogni passaggio partendo dal lavaggio delle mani allo smontaggio del piano di lavoro per prepararlo al cliente successivo. Per svolgere la professione del Piercer è obbligatorio frequentare un corso igienico sanitario organizzato della propria regione. E' bene poi in ogni caso avvicinarsi ad un Piercer di esperienza e chiedere un periodo di apprendistato per imparare osservando, osservando e osservando. Un piercer deve iniziare ad entrare in questo mondo facendo pratica,dopo aver messo in sicurezza il cliente e se stesso, comprando l'attrezzatura giusta, di qualità.

Insomma, fare un vero e proprio investimento perché diciamolo chiaro, tutto ciò che è di alta qualità, gioielli, pinze, tool vari, buste autosigillanti, prodotti decontaminanti/disinfettanti,guanti,mascherine, tovagliette ecc ecc hanno un costo complessivamente elevato. Ma non è finita qua. In uno studio serio troveremo sicuramente un autoclave a norma di classe B e una lavatrice ad ultrasuoni per preparare tutti gli strumenti ad essere idonei ad una corretta sterilizzazione.

(in foto Ruben Lew in performance, piercer professionista messicano di fama mondiale) Diventare un piercer è Sacrificio con la S maiuscola, è sudore, notti insonni. E' gioia e allo stesso tempo dolore. Diventare un piercer è tanta esperienza che ti porti dietro. Essere un piercer è riuscire ad entrare in contatto con i desideri delle persone, perchè spesso capita che il cliente abbia nell'anima un'esigenza ben diversa da quella di un solo piercing. A tutti quelli che mi chiedono come si fa a diventare un Piercer rispondo: Pensateci bene, perché è molto difficile. Sono anni di speranze e sogni che all'inizio si vedono crollare ed è una lotta continua contro se stessi. E' costoso, perché anche se si è all'inizio il materiale deve essere sempre tassativamente al top. La salute prima di ogni cosa. E' una grossa responsabilità. Abbiamo a che fare con la pelle delle persone e se non si sa cosa si sta facendo si può andare incontro a danni permanenti. Studiate la storia del piercing. Il piercing non è solo un gioiello che abbellisce l'estetica, spesso arricchisce lo spirito. Siate un po' fuori di testa, perché per amare questo mestiere è necessario essere un po' folli, ma sempre al punto giusto.

Vi ricordo che se siete , piercer o dermopigmentisti potete iscrivervi gratuitamente al portale strange.tattoo cliccando qui, inserendo il vostro logo e creando la vostra vetrina.

Federica Spitaleri ( Fes Piercer ) Piercer professionista residente a Genova con 10 anni di esperienza.