Perché si formano le croste sul tatuaggio ?

L' insorgere delle croste che compaiono sul tatuaggio, può risultare estremamente preoccupante se non si è a conoscenza dell'intero processo di guarigione.

Quando si fa un tatuaggio si sta essenzialmente causando dei traumi a una specifica area della pelle a causa degli aghi multipli che la perforano migliaia di volte in una singola seduta. Essendo essenzialmente una ferita aperta, togliere le croste che si formano può avere conseguenze disastrose. Nella maggior parte dei casi, un tatuaggio in piena guarigione con uno leggero strato di croste su di esso è completamente normale perché è il modo in cui il corpo chiude una ferita e rigenera la pelle prevenendo le infezioni. Questo processo inizia quando un componente all'interno del sangue chiamato plasma, inizia a fuoriuscire dalla ferita e indurendosi fa sì che i globuli bianchi, agendo all'interno dell'area circoscritta, combattano infezioni e batteri.

Vi ricordo che se siete tatuatoripiercer o dermopigmentisti potete iscrivervi gratuitamente al portale strange.tattoo cliccando qui, inserendo il vostro logo e creando la vostra vetrina. Sarà molto più facile farvi trovare dai clienti in quanto trattandosi di un portale tematico sale molto in alto nelle ricerche su Internet. Il servizio è completamente gratuito.

TUTTI I TATUAGGI SPELLANO?

In linea di massima sì. Di solito, se sei stato da un buon tatuatore, la tua pelle dovrebbe formare uno strato molto piccolo di crosticine su tutto il tuo tatuaggio. Questa pelle sarà leggermente rialzata e sarà probabilmente torbida e opaca. Le croste sono più inclini a formarsi su un tatuaggio particolarmente grande o dettagliato. Nel caso di molte  sessioni per lo stesso tatuaggio, è probabile che alcune aree formino una crosta più spessa rispetto al resto. D'altra parte, se la maggior parte del tuo tatuaggio è coperta di croste dense e spesse, potrebbe non essere normale. Se l'artista ha avuto  la mano pesante o è inesperto, è possibile che premendo con forza l'ago sulla pelle, abbia causato più traumi del necessario. Se questo fosse il tuo caso, potrebbe essere meglio parlare delle tue preoccupazioni con il tuo artista o con il proprietario dello studio. Un altro motivo che potrebbe causare la nascita di una crosta spessa è l'insorgenza di un'infezione. Le infezioni sono relativamente rare nei tatuaggi purché siano intraprese le corrette procedure di igiene dello studio.

NON TOGLIERE MAI LE CROSTE ! 

Ci vuole del tempo prima che l'inchiostro venga assorbito negli strati inferiori della pelle, quindi  durante la guarigione, rimane ancora molto inchiostro negli strati superiori. Questo significa che grattando via le croste porterete via l'inchiostro in superficie, conferendo così al tatuaggio un aspetto irregolare che richiederà più tempo per guarire e probabilmente anche un ritocco dal tuo tatuatore. Se una crosta è ancora posizionata in profondità della pelle, estrarla può portare a vaiolatura e cicatrici nella pelle, aumentando notevolmente i tempi di guarigione e potenzialmente danneggiando in modo permanente l'area coinvolta.

NON GRATTARE IL TATUAGGIO

Grattare il tatuaggio può effettivamente causare più danni in alcune situazioni. Quando inizi a grattare un tatuaggio, puoi causare molti più danni tirando via molte croste in un solo movimento, per non parlare della miriade di batteri presenti sotto le unghie.

NON APPLICARE TROPPA CREMA

Quello che accade quando si soffoca un tatuaggio con uno spesso strato di lozione è che l'umidità intrappolata tra la crema e la pelle verrà assorbita dalle croste, rendendole mollicce e appiccicose. 

NON IMMERGERE IL TATUAGGIO IN PIENA GUARIGIONE IN ACQUA PER Più DI 15 MINUTI

Come descritto sopra, le croste assorbiranno l'acqua diventando appiccicose. Non solo questo, ma ricorda che la maggior parte dei corpi idrici contiene grandi quantità di vari tipi di batteri.